Home > Donazione cellule staminali, La ricerca e le malattie curate, Tipi di cellule staminali > Conservazione staminali: banche private e pubbliche per la conservazione

Conservazione staminali: banche private e pubbliche per la conservazione

8 giugno 2012

Oggigiorno la ricerca scientifica ha ampiamente dimostrato che l’impiego di cellule staminali in presenza di alcune patologie può essere determinante per la cura. Ecco perché la conservazione delle staminali presenti nel cordone ombelicale dei neonati acquisisce sempre più rilevanza.  La conservazione delle cellule staminali può avvenire all’interno di banche private o pubbliche. Nel caso in cui si decide di conservare le staminali all’interno di banche pubbliche, il campione sarà messo a disposizione di tutti gli assistiti del servizio sanitario nazionale, ovviamente sempre nei casi di compatibilità accertata. Sono previste delle eccezioni nel caso in cui il neonato sia soggetto a patologie particolari.

La conservazione privata invece consente un uso esclusivo delle staminali, che rimangono di proprietà della famiglia che può usufruirne in qualsiasi momento. Nel nostro paese però questo tipo di crioconservazione può essere eseguita solo presso strutture dislocate all’estero.

Donazione cellule staminali, La ricerca e le malattie curate, Tipi di cellule staminali

I commenti sono chiusi.