Home > La ricerca e le malattie curate > Cellule staminali nell’ischemia cerebrale

Cellule staminali nell’ischemia cerebrale

31 maggio 2013

Tra le tante patologie che affliggono l’uomo, l’ictus è una delle più gravi: ogni anno, quasi 200.000 persone ne sono colpite con conseguenze spesso funeste. Molti pazienti, difatti, non sopravvivono a questo accidente cerebrovascolare; ma anche coloro che rimangono in vita portano con sé le conseguenze della malattia: l’ictus, andando a colpire proprio il cervello, può causare perdita di memoria e più comunemente difficoltà nel movimento, fino alla vera e propria paralisi degli arti.
La ricerca sulle cellule staminali fortunatamente non si ferma mai e come sono state individuate terapie di staminali contro la sla sperimentali, anche per i danni da ictus ci sono buone speranze in questa direzione: al Southern General Hospital di Glasgow una cura consistente nell’iniezione di staminali nelle zone danneggiate del cervello di pazienti colpiti da ictus ha dato esiti sorprendenti, stimolando la rigenerazione dei tessuti e consentendo ai soggetti dello studio di afferrare nuovamente oggetti con le mani prima paralizzate.

La ricerca e le malattie curate ,

I commenti sono chiusi.