Home > La ricerca e le malattie curate > Staminali e chirurgia plastica: uso delle cellule staminali per estetica

Staminali e chirurgia plastica: uso delle cellule staminali per estetica

4 ottobre 2013

L’elenco delle applicazioni terapeutiche delle cellule staminali è in continua evoluzione e non finisce mai di stupire: un recente studio dimostra come l’utilizzo delle cellule staminali sia utile anche in chirurgia plastica. Da una recente pubblicazione sulla rivista Lancet, si apprende infatti che un team di studiosi dell’Università di Copenaghen ha sperimentato il trapianto di staminali applicato ad interventi di lipofilling, con risultati incoraggianti.
Gli interventi di lipofilling si basano sul prelievo di cellule adipose (grasso) da zone come addome e glutei, successivamente trapiantate nella zona che si intende ricostruire o volumizzare, ad esempio il seno. Solitamente però, col passare del tempo solo una percentuale poco soddisfacente di cellule adipose sopravvive, causando come conseguenza difetti nel riempimento della zona in questione. Con il trapianto di staminali miscelate alle cellule adipose (testato sulle braccia), la percentuale di cellule che sopravvive è invece molto più alta (80% circa contro il 16% del metodo tradizionale), scoperta che potrebbe risultare molto utile per la ricostruzione del seno in caso di cancro o per interventi post-traumi.

La ricerca e le malattie curate

I commenti sono chiusi.