Home > La ricerca e le malattie curate > Staminali cordonali contro displasia broncopolmonare nei prematuri

Staminali cordonali contro displasia broncopolmonare nei prematuri

14 febbraio 2014

L’incidenza dei parti prematuri sul totale delle nascite si aggira intorno al 5-10%, un numero dunque di non poco conto.
Tra le patologie più comuni fra i nati prima del termine c’é la displasia broncopolmonare, una malattia che se non trattata per tempo può portare a delle ripercussioni sulla qualità della vita futura del bambino: ad esempio, infezioni polmonari e frequenza di disturbi di tipo respiratorio.
Una buona notizia arriva dal Journal of Pediatrics, che ha pubblicato il lavoro svolto da un gruppo di ricercatori del Biomedical Research Institute di Seul (Corea del Sud): il trapianto di staminali cordonali mesenchimali intratracheale su questi piccoli pazienti li ha protetti dallo sviluppare questa malattia o questa si é presentata in una forma minore. Un passo molto importante della medicina per combattere i problemi respiratori.

La ricerca e le malattie curate

I commenti sono chiusi.